Istituto Tecnico Statale Pietro Cuppari - Jesi (AN)
Economico - Tecnologico
Cuppari-Salvati
voce men¨ HOME
voce men¨ L'ISTITUTOespandi
voce men¨ INFORMAZIONIespandi
voce men¨ URP - CONTATTI
voce men¨ DOCENTIespandi
voce men¨ STUDENTIespandi
voce men¨ QUALIT└ - SGQ
voce men¨ NEWS
voce men¨ PCTOespandi
voce men¨ PRODUZIONIespandi
voce men¨ FORMAZIONEespandi
voce men¨ DIPLOMATIespandi
voce men¨ ICDLespandi
voce men¨ ALBUM
voce men¨ RECENSIONIespandi

Link a pagina YouTube Istituto

Settore Tecnico
Link a pagina facebook Istituto
link a pagina Instagram Istituto

Settore Professionale
Link a pagina facebook Istituto
link a pagina Instagram Istituto

Cuppari Cuppari Cuppari Cuppari Cuppari Cuppari Cuppari Cuppari Cuppari Cuppari Cuppari Cuppari Cuppari Cuppari Cuppari Cuppari Cuppari

Associazione David Carelli

Link a Associazione Oikos

Associazione Volere Volare


Web counters


 

VIDEOTECA

Film presenti nell'Istituto - a cura del prof Michele Contadini

Elenco dei film in vari supporti (videocassetta/dvd) disponibili nella videoteca di Istituto.


Cerca:
(la parola o la frase inserite verranno cercate in tutti i campi testo della scheda)

supporto: sede:

genere: tematiche: destinatari:

ordinamento:

record per pagina:


Questa Ŕ la pagina 2 di 39

Numero di recensioni: 191


Titolo: Alive - I sopravissuti
Regista: Frank Marshall
Supporto: DVD - Scaffale: A - Posizione: 4 - Sede: Ragioneria
Anno: 1993 - Paese: USA - Durata (minuti): 121
Trama: 13 ottobre 1973: un aereo si schianta su un ghiacciaio delle Ande. Dei 27 superstiti, 16 riescono a sopravvivere fino al 23 dicembre quando arrivano i soccorsi. Come? Nutrendosi con la carne dei morti. Anticipato da I sopravvissuti delle Ande (1976) del messicano R. Cardona e ispirato al libro Tab¨ di P.P. Read, Ŕ apprezzabile per lo scrupolo cronistico, la rinuncia al sensazionalismo, la coralitÓ del racconto, l'efficacia spettacolare dello schianto, ma tempi e personaggi sono poco approfonditi, qua e lÓ si scivola nella retorica e si nomina troppo spesso il nome di Dio invano.
Genere: Drammatico - Tematica: Senso vita - Destinatari: + 14

Titolo: Alla luce del sole
Regista: Roberto Faenza
Supporto: DVD - Scaffale: D - Posizione: 159 - Sede: Ragioneria
Anno: 2005 - Paese: Italia - Durata (minuti): 93
Trama: Questo film Ŕ tratto dalla storia vera di padre Giuseppe "Pino" Puglisi, una vittima della mafia. ╚ ambientato a Palermo, nel quartiere di Brancaccio, nel 1991.
Genere: Biografico - Tematica: Testimoni - Destinatari: tutti

Titolo: Almanya (La mia famiglia va in Germania)
Regista: Yasemin Samdereli
Supporto: DVD - Scaffale: D - Posizione: 168 - Sede: Ragioneria
Anno: 2011 - Paese: Germania - Durata (minuti): 101
Trama: Dopo aver lavorato per 45 anni come operaio ospite ("Gastarbeiter") HŘseyin Yilmaz, annuncia alla sua vasta famiglia di aver deciso di acquistare una casetta da ristrutturare in Turchia. Vuole che tutti partano con lui per aiutarlo a sistemarla. Le reazioni per˛ non sono delle pi¨ entusiaste. La nipote Canan poi Ŕ incinta, anche se non lo ha ancora detto a nessuno, e ha altri problemi per la testa. SarÓ per˛ lei a raccontare al pi¨ piccolo della famiglia, Cenk, come il nonno e la nonna si conobbero e poi decisero di emigrare in Germania dall'Anatolia. Esiste ormai nel cinema contemporaneo dai tempi di East is East un modello di narrazione che potremmo definire "commedia sull'integrazione". Di solito si tratta di una famiglia di immigrati che risiede all'estero da tempo e che Ŕ ormai abbastanza ampia da consentire la compresenza della prima generazione con quella di figli e/o nipoti nati su suolo straniero. Almanya aderisce pienamente al modello senza particolari originalitÓ se non per la caratteristica (determinante) di scegliere come proprio soggetto una famiglia turca. Come Ŕ noto la nazione che in Europa ospita il maggior numero di turchi Ŕ proprio la Germania. I dati statistici ci dicono che su 82 milioni di abitanti i turchi costituiscono un'entitÓdi circa 1.7 milioni di persone legalmente residenti. I problemi legati all'integrazione non sono sicuramente mancati. Di recente per˛, grazie anche all'opera di Fatih Akin, il cinema tedesco ha prodotto film che costituiscono un ponte fra le due culture. Mancava per˛ la commedia generazionale che prende le mosse, grazie all'escamotage della narrazione al piccolo di famiglia, da come il nonno fosse giunto come milionesimoeuno emigrante nella Germania del boom economico. Si sviluppa cosý una sorridente alternanza tra un passato di difficoltÓ e una progressiva crescita operosa. L'idillio prevale sui contrasti ma l'ironia non manca. Cosý come viene descritta con una molteplicitÓ di sfaccettature la figura del nonno pronto ad integrarsi al suo arrivo ma ora assolutamente disinteressato ad acquisire la nazionalitÓ tedesca caparbiamente voluta e ottenuta dalla moglie. Soprattutto nella parte finale il film (che invece regge bene il ritorno in Turchia con acute osservazioni sui pregiudizi) non riesce a sfuggire a un po' di retorica al glucosio che finisce con il nuocergli pi¨ che portargli vantaggi. Questo per˛ non inficia la resa complessiva di un'opera divertente che consente anche ai non esperti di storia e societÓ tedesche di divertirsi e (magari, perchÚ no?) di fare anche produttivi paragoni con situazioni italiche passate e presenti.
Genere: Commedia - Tematica: Intercultura - Destinatari: tutti

Titolo: Amarcord
Regista: Federico Fellini
Supporto: DVD - Scaffale: A - Posizione: 5 - Sede: Ragioneria
Anno: 1973 - Paese: Italia - Durata (minuti): 127
Trama: La notorietÓ di questo film Ŕ tale che lo stesso titolo "Amarcord" (derivante per composizione dall'espressione in dialetto romagnolo "a m'arcord", ossia "io mi ricordo") Ŕ diventato un neologismo della lingua italiana, con il significato di "rievocazione in chiave nostalgica" (Tonino Guerra, co-autore della sceneggiatura, racconta che il titolo nasce per˛ dall'amaro Cora, "comanda" dei ricchi entrando al bar).La vicenda, ambientata dall'inizio della primavera del 1932 all'inizio della primavera del 1933 (riferimento certo visto la corsa della VII edizione della Mille Miglia), in una Rimini onirica ricostruita a CinecittÓ, come la ricordava Fellini in sogno, narra la vita nell'antico borgo (o e' borg, come a Rimini conoscono il quartiere di San Giuliano) e dei suoi pi¨ o meno particolari abitanti: le feste paesane, le adunate del "Sabato fascista", la scuola, i signori di cittÓ, i negozianti, il suonatore cieco, la donna procace ma un po' attempata alla ricerca di un marito, il venditore ambulante, il matto, l'avvocato, quella che va con tutti, la tabaccaia dalle forme giunoniche, i professori di liceo, i fascisti, gli antifascisti e il magico conte di Lovignano, ma soprattutto i giovani del paese; adolescenti presi da una prepotente "esplosione sessuale".
Genere: Commedia - Tematica: SocietÓ - Destinatari: + 14

Titolo: Amleto
Regista: Franco Zeffirelli
Supporto: DVD - Scaffale: A - Posizione: 6 - Sede: Ragioneria
Anno: 1990 - Paese: USA - Durata (minuti): 135
Trama: Poco scespiriano e ancor meno contemporaneo. Costruito su misura per Gibson, Ŕ un Amleto risoluto, univoco e senza dubbi per il quale c'Ŕ identitÓ tra teoria e pratica. Via l'ambiguitÓ. Da un dramma labirintico, un'autostrada a tre corsie dove si procede in velocitÓ. Svelto e decorativo, col testo usato al 40%.
Genere: Drammatico - Tematica: Letteratura - Destinatari: tutti


pagina precedente 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 pagina successiva

Registro On Line
Link a pagina Pago in Rete
Link a Ammnistrazione Trasparente corrente
Link a Amministrazione Trasparente fino al 13-02-2018

Link a PubblicitÓ Legale corrente
Link a pubblicità legale fino al 13-02-2018

Progetti PON 2014-2020

Progetto territoriale orientamento 2014-2020

Ministero dell'Istruzione

Link a Progetto CULTURE@LABJ

Link a Progetti finanziati con legge 440

link a Cambridge assesment partner

Test Center ECDL

Torna su
IIS "Cuppari - Salvati" - Jesi - c.m. ANIS022006 - c.f. 92044870423 - URP contatti - Privacy - Accessibilità